Concerto di Natale

Domenica 21 Dicembre 2008 alle ore 20.45
Chiesa Parrocchiale di Gromlongo • Palazzago

Il gruppo strumentale
Il Sottobosco

“è una formazione particolare che ama presentare uno spettacolo eterogeneo, dove brani musicali di diversa provenienza stilistica si accostano senza problemi. L’apparente disomogeneità è saldamente controllata da una precisa consapevolezza sul valore e sui limiti dell’operazione. I musicisti del Sottobosco, attivi ovviamente anche nei settori “canonici” dell’esecuzione musicale, si divertono qui intorno al nucleo centrale del complesso, i flauti, soprattutto dolci. Le musiche si snodano attraverso i secoli, partendo da antiche e suggestive melodie (Ungaresca, Folìa) e da briosa musica di danza (El Villano), vera musica “di consumo” di altri tempi, fino alle esperienze del secolo ventesimo. Gli accostamenti non sono stabiliti da criteri cronologici quanto da alcuni fili conduttori che consentono di ritrovare, attraverso i secoli, elementi comuni del “far musica”: l’arte della variazione, l’elaborazione secondo stili diversi degli stessi materiali sonori, l’uso di ensemble strumentali inconsueti, l’improvvisazione…

 

Alberto Bonacina flauti dolci
Mauro Salera flauti dolci
Giovanni Perico flauto traverso
Marco Ambrosini oboe
Ugo Gelmi fagotto
Matteo Zurletti violoncello
Pierluigi Capelli chitarra

candela 
Scarica il programma in formato PDF.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

CHI SIAMO

L’Associazione Culturale Salvatore Quasimodo intende porsi come punto di riferimento e strumento organizzativo, per tutte le persone convinte che la cultura, in tutte le sue forme, sia importante e da promuovere con tutti i mezzi disponibili, anche in un piccolo paese. "L’associazione si ispira ai principi della non violenza, del rispetto delle differenze, della pluralità delle esperienze culturali, della solidarietà tra le persone, della valorizzazione e tutela dell’ambiente nella ricerca di una società equa, solidale, pluralista.” (dallo statuto)
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: